LA TRIPARTITA

Venerdì 23 Giugno 2017

Tre Porte. Tre Squadre. Tre Palloni. Zero Regole.

 

 

 

NORME GENERALI

 

La gara si svolge tra tre squadre, con tre porte e tre palloni.

Le squadre sono composte ciascuna da 3 elementi in campo e massimo 6 in tutto.

Le porte sono tre di altezza 1m e larghezza 1,5 m. Ognuna viene assegnata ad una squadra.

I tre palloni sono quelli da 280 grammi oppure di spugna o di materiale leggero.

Il campo è l'arena degli spettacoli del Parco dei Forti.

La gara si svolge in tre tempi di 10 min ciascuno con due intervalli di non più di 5 min ciascuno.

Il Boia è 1 e si occupa delle punizioni per i giocatori che commettono falli.

I giocatori devono essere vestiti nel seguente modo:

Santa Maria: pantaloni al ginocchio gialli e casacca nera;

Sant’Angelo: pantaloni al ginocchio blu e casacca bianca;

San Silvestro: pantaloni al ginocchio bianchi e casacca rossa.

 

COME SI SVOLGE LA TRIPARTITA

 

La palla può essere giocata sia con le mani che con i piedi senza però mai trattenerla.

Gli arbitri regolano i cambi: i giocatori fermi devono stare dietro la propria porta. Durante il cambio il giocatore che entra deve attendere l’uscita del compagno.

Il goal viene attribuito al terziere che ha segnato, in caso di autogol viene attribuito un punto a ciascuna delle altre squadre. Dopo il goal la palla viene rimessa in gioco da uno dei giocatori che ha subito il goal.

 

Vince la squadra con miglior differenza reti (fatti -  subiti). Nel caso di parità le squadre pari mettono un cappuccio senza occhi ad un loro giocatore e di fronte alla porta vuota gli fanno tirare i rigori. Vince il primo che va in vantaggio di un goal.

 

Falli veniali: i falli veniali sono rappresentati da: sgambetti o trattenute. Essi sono puniti con l’ammonizione semplice e l’ammonito viene fatto giocare per 1 minuto con un cappuccio senza occhi in testa.

Falli quasi veniali: i falli quasi veniali sono rappresentati da: gomitate o cazzotti, calci o simili. Essi sono puniti dal Boia buttando il giocatore per 1 minuto dentro una tina piena d’acqua.

Falli mortali: offese a qualsiasi autorità sia divina che terrena e parolacce contro le guardie comunali. Essi vengono puniti con la cattura del giocatore da parte della Compagnia d’Arme e con la messa alla gogna per 2 minuti. Durante questo tempo il giocatore può essere sottoposto ad ogni angheria possibile da parte di tutti. Se la gogna è già occupata, il giocatore che commette il nuovo fallo scagiona il precedente.

Inoltre durante il gioco sono vietate le zampate sui denti e sotto il belico perché comportano la punizione di cento pedate sul culo da parte del colpito o chi per esso.

 

 

 

 

 

 

Scarica il regolamento della Tripartita
RegolamentoTripartita.pdf
Documento Adobe Acrobat [319.7 KB]

 

 

 

 

ALBO D'ORO

 

La Triparrtita si svolge ad intermittenza dal 1982, ma purtroppo negli anni non è mai stato registrato un Albo d'Oro attendibile

 

2009 – Terziere Sant'Angelo

2010 – Terziere Sant'Angelo

2014 – Terziere Sant'Angelo

2015 – Terziere Santa Maria

2016 – Terziere Sant'Angelo

 

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Tria Turris - info@triaturris.it

E-mail

Come arrivare